<

Come addestrare un labrador

Come addestrare un labrador?

Come addestrare un labrador?

L’addestramento cominciato durante l’infanzia continua nel corso dell’età adulta del Labrador Retriever. Ora che le placche di crescita si sono chiuse, può intraprendere attività più impegnative, di addestramento e di gioco. Per godersi tutte le attività e gli sport canini in cui questa razza eccelle, il cane dev’essere addestrato a rispondere ai comandi del padrone. Che partecipi a gare di obedience o agility, test di caccia o altro, o sia semplicemente l’amato cane di casa che passa il tempo a passeggiare con la famiglia, questi comandi saranno sempre utili. Prima di cominciare Prima di cominciare una sessione di addestramento, assicuratevi di essere entrambi calmi. Se, tornando a casa, scoprite che ha preso la carta igienica e l’ha srotolata per tutta la casa, non è il momento di addestrarlo. Fate qualche respiro profondo e pulite prima di cominciare una sessione. Allo stesso modo, se il vostro cane si tuffa a inseguire gli uccelli in giardino, fatelo sedere e reindirizzate la sua attenzione.

Che dedichiate all’addestramento 5 minuti diverse volte al giorno o 30 minuti in un’unica sessione, fissatevi un obiettivo e stabilite un programma In 5 minuti, per esempio, potete insegnare al Labrador “le flessioni canine,” facendogli eseguire seduto e terra in rapida successione. In questo modo consumerà l’energia repressa e vi presterà maggiore attenzione. La prossima volta che addestrate il cane, lavorate sul terra-resta. Diluite le lezioni e i premi. Non dovete continuare a offrirgli bocconi: non imparerà nulla così. Invece, fatelo lavorare per la cena e per i bocconi. Seguite il principio “niente nella vita è gratis”, che si tratti di un gioco speciale o della colazione, o di quell’osso che conservate nel congelatore. Prima di dare qualcosa al cane, pretendete che esegua un numero o un comando. In questo modo rinforzerete la vostra posizione nella gerarchia del branco.

PIEDE

Molti addestratori usano la parola “piede” come comando per intendere: “Camminiamo in questo modo.” Il piede in realtà è una posizione e significa: “Voglio che tu ti sieda sul mio fianco sinistro, con l’orecchio allineato alla cucitura dei pantaloni, e aspetti che io ti dica cosa fare.” Il cane non coglierà subito tutto questo, quindi dovrete insegnarglielo pian piano. Potrebbe avanzare a tutta velocità o restare indietro. Potrebbe perfino sedersi dietro le vostre gambe quando cominciate a insegnarglielo. L’obiettivo è far sedere il cane al vostro fianco e far in modo che si giri di tanto intanto e sia abbastanza attento da sentire il vostro prossimo comando. Come comando di base per gran parte degli sport canini, il cane dovrà comprendere il concetto di piede. Dovrà camminare tranquillamente in linea durante una prova di caccia, o mantenere la posizione al piede mentre percorrete il ring delle gare di obedience e rally. Quando avrà afferrato il concetto, potrete dire: “Max, piede,” e camminerà al vostro fianco per la strada, al guinzaglio o senza.

Come insegnarlo

Per insegnare il piede, il cane deve capire che ‘piede” significa “siedi alla mia sinistra.”

  1. Con un boccone o un’altra esca nella mano sinistra, incoraggiate il cane a sedersi alla vostra sinistra. Ogni volta che lo fa, dite “sì” o “bravo” o una parola che potete ricordare, ma siate coerenti. Anche il tono di voce è importante. Cercate di essere allegri: un tono profondo e minaccioso o uno strillo acuto non suoneranno gradevoli per il cane. Mantenete la voce allegra. Mentre dite la parola scelta dategli un boccone.
  2. Esercitatevi spesso e cambiate il boccone o il gioco. Magari una volta potete dirgli “Bravo cane,” e dargli un pezzetto di wurstel; la volta successiva ditegli “Bravo cane” e fatelo giocare a rincorrersi. Il cane non dovrà mai sapere cosa avete intenzione di fare. Fate in modo che diventi un gioco e che voglia giocarci con voi.
  3. Ogni volta che il cane arriva e si siede alla vostra sinistra, che gliel’abbiate chiesto oppure no, premiatelo. È arrivato il momento di associare l’azione al comando, che è “piede.” Che il cane sieda o stia in piedi accanto alla vostra gamba sinistra, dite: “Bravo, Max.” Lasciate che cominci a capire che la posizione e la parola “piede” sono associate. Questo non accadrà dall’oggi al domani. Malgrado l’alto livello d’intelligenza, non tutti i Labrador Retriever imparano con la stessa rapidità. Un cane può cominciare a capire il concetto dopo 30 minuti; un altro può essere ancora in fase di apprendimento dopo sei settimane.
  4. Una volta che il concetto è stato compreso, tuttavia, potete cominciare ad alzare la posta. Chiedete al cane di sedersi dritto o in avanti su entrambe le anche e non girato su un fianco. Fatelo saltare come un coniglietto: fate mezzo passo in avanti e dite “piede, seduto,” in rapida successione. Portate il cane a spasso al guinzaglio e, di tanto in tanto, ditegli di stare al piede. Se non risponde, potete dare una tiratina al guinzaglio mentre date un colpetto sul vostro fianco sinistro. Dite in tono allegro: “Ti sei dimenticato come si fa il piede?” poi ricordategli dove dovrebbe stare. Man mano che il cane diventa esperto, e capisce il comando piede e come dovrebbe reagire, allora potete cominciare a fargli fare piccole passeggiate al guinzaglio. Dategli il comando “piede” e fate qualche passo. Quando il cane è in grado di fare qualche passo nella giusta posizione, allontanatevi, alzate le braccia e festeggiate! Ditegli che è il Labrador Retriever più intelligente del mondo e offritegli un boccone in premio. Il metodo del premio casuale porterà il cane a pensare: “Cosa s’inventerà stavolta?”
  5. Quando il cane è in grado di camminare in linea retta per 10 passi, poi 20, poi lungo la strada fino alla casa del vicino e ritorno, è arrivato il momento di alzare ulteriormente la posta in gioco. All’interno di un recinto, che si tratti del vostro giardino, di un campo da tennis o di calcio vuoto, lasciate il cane senza guinzaglio e cominciate a camminare in cerchio. Quando corre alla vostra sinistra, dategli un boccone, ditegli che è bravissimo e continuate a camminare. Il vostro cane sta imparando a camminare al piede quando ha altre opzioni, come correre fino alla recinzione e fiutare gli uccelli. Diventerà più costante e comincerà a stare al vostro fianco mentre camminerete in cerchio in giardino. E voi lo premierete lautamente ogni volta che resterà con voi.
  6. Ogni tanto, mentre camminate in cerchio, chiamate il cane al piede. Quando risponde correttamente, premiatelo con la lode che avete scelto: “Bravo, Max!” Offritegli un boccone davvero gustoso, come un pezzetto di pollo. Fate una pausa e fatelo giocare, lanciategli la palla o giocate a rincorrervi. L’abilità del vostro cane al piede richiederà tempo e molte ore e chilometri di esercizio, ma più farete pratica, più migliorerà. Siate pazienti e coerenti e, soprattutto, rendetelo divertente per il vostro Labrador.

RESTA

Il comando resta è il salvavita dell’obedience, e sarà una delle lezioni più importanti che impartirete al vostro Labrador Retriever. Un cane che capisce e obbedisce al resta non correrà alla porta quando un vicino suona il campanello. Un cane a cui viene ordinato di restare non inseguirà una palla in giardino e fino in strada. Il resta è anche un esercizio di base nelle gare di obedience e rally, agility e nelle prove di lavoro perché il cane dev’essere in grado di restare in posizione mentre un altro cane lavora.

Come insegnarlo Il comando “resta” significa “resta dove sei finché non ti dirò di cosa fare.” Dovrete mantenere il contatto visivo col cane mentre lui aspetta il vostro prossimo comando, che si tratti del richiamo (viene verso di voi) o cerca (individua un oggetto col vostro odore e lo riporta).

1. Cominciate a insegnare il comando vicino a una porta.

2. Col cane al guinzaglio, seduto o sdraiato, fate un segno con la mano sinistra davanti al muso e dite: “Resta.”

3. Aprite la porta e, quando abbandona la posizione, chiudete la porta e dite con un tono calmo: “eh, no,” rimettetelo nella posizione iniziale, poi ditegli di nuovo di restare. 4. Una volta che potrete aprire la porta senza che lui si muova, lodatelo, lasciatelo muovere, dategli un grosso premio e esercitatevi ancora. Abituatelo a una parola di rilascio, per esempio “okay,” per liberarlo dal resta. Potrete esercitarvi con questo comando per tutto il giorno, in casa e in giardino. Quando versate le crocchette nella ciotola, dite al cane di restare fuori dalla cucina finché non metterete la ciotola per terra. Mentre vi preparate a portare il cane a fare un giro in macchina, chiedetegli di restare finché non aprite la portiera della macchina. Di nuovo, mentre comincia a imparare il comando e la risposta corretta, inizierà anche a prestare maggiore attenzione. Dal momento che state seguendo le regola del “niente nella vita è gratis,” il cane sa che non avrà una grattatina sulla pancia finché non terrà la posizione e aspetterà la parola di rilasciare.

IL TERRA-RESTA

Man mano che il vostro Labrador comincia a capire che il comando resta significa “non ti muovere finché non ti ordino altrimenti,” potete cominciare ad associare il resta con una posizione, sdraiata o seduta. Il terra-resta permette al cane di cominciare a mostrare maggior autocontrollo man mano che diventa esperto nei comandi di obedience. Questo comando ha anche applicazioni pratiche. Durante una passeggiata, quando vi fermate a parlare col vicino, potete dare al cane il comando terra-resta, e poi allontanarvi per chiacchierare. Quando tornate a casa da un giro di compere, mettete il cane in posizione di terra-resta prima di aprire la porta e portare dentro la spesa. Per controllare i salti di un Labrador Retriever entusiasta, il terra-resta è un ottimo strumento.

Rinforzate il comportamento desiderato premiando il vostro Labrador col cibo.

Come insegnarlo

Per insegnare il comando terra-resta, il vostro cane dovrà essere affidabile sul resta.

1. Attirate il cane a terra come facevate quand’era un cucciolo, poi dite “Resta.”

2. Mettetevi di fronte a lui, aspettate un momento, poi ritornate nella posizione, dategli un boccone e ditegli che è stato bravissimo.

3. Ripetete nel corso della giornata in diverse parti della casa.

4. Cominciate a richiedere periodi di tenuta maggiori: chiedete al cane di tenere il terra-resta per tutta la durata della pubblicità che interrompe il vostro programma preferito, o mentre cucinate la cena, o mentre piegate la biancheria pulita. Modificate anche la situazione del terra-resta. Sedete nella vostra poltrona preferita e chiedete al cane di eseguire il terra-resta davanti o accanto a voi. Quando siete sicuri che il cane capisce il comando, spostatevi per strada. Durante la passeggiata, se si avvicina una persona che fa jogging, chiedete al cane di eseguire il terra-resta finché non sarà passata. Fate lo stesso con altri estranei: cidisti, bambini nei passeggini, motociclisti e furgoncini per le consegne. Abituate il cane a eseguire il comando a prescindere dai vari suoni, dagli odori e dai luoghi. Fategli eseguire il terra-resta mentre gli tagliate le unghie o gli pulite le orecchie. Una volta terminate le faccende, liberatelo, giocate con lui e ditegli quanto è bello con le zampe in ordine.

IL SEDUTO-RESTA

Il comando seduto-resta ha le stesse applicazioni pratiche del terra-resta. Dal momento che combinerete due diversi esercizi, il seduto e il resta, assicuratevi che il vostro cane li capisca entrambi prima di unirli. Imparerà non solo che deve sedersi proprio dove gli viene chiesto, ma anche che dovrà restare seduto dove si trova finché non gli verrà chiesto di fare altro. Applicherà queste conoscenze nelle gare sportive di agility, rally e obedience.

Come insegnarlo

Insegnate il comando seduto-resta proprio come avete fatto con il terra-resta.

1. Col cane al guinzaglio seduto al piede, posizionate il palmo della mano sinistra davanti al suo muso e dite “Resta,” restando di fronte a lui, piede contro piede.

2. Tornate al piede e offritegli un boccone, o lodatelo con la parola che avete scelto. Ripetete dozzine di volte in diversi luoghi. 3. Una volta che il cane si siede e resta con voi vicino, cominciate ad allontanarvi da lui. Potete mettervi dietro di lui, fare due passi di lato o portarvi davanti a lui e allontanarvi per tutta la lunghezza del guinzaglio. Di nuovo, offritegli un premio e lodatelo sempre quando non si muove. Se si muove, correggetelo con un calmo “no” e riposizionatelo dove si trovava prima di muoversi. Quando torna in posizione, lodatelo e offritegli un boccone. Se avete difficoltà, in qualsiasi momento, tornate indietro di un passaggio o due.

Se il vostro Labrador vi segue quando vi  segue quando vi allontanate, significa che non vi siete soffermati abbastanza sui passaggi precedenti. Rallentate e allontanatevi solo di qualche passo. Quando si siederà e manterrà la posizione in modo affidabile, potrete cominciare a richiedere il comportamento in altri momenti. Prima di mettergli il guinzaglio per uscire a passeggiare, fategli eseguire il seduto-resta per qualche momento. Prima di offrirgli la ciotola con la colazione, dategli il comando seduto-resta e poi liberatelo per farlo mangiare. Insegnategli a sedersi e restare prima di lanciargli la palla. Fate pratica col seduto-resta con una corda e lavorate fino alla lunghezza massima, che sia lunga 3 o 9 m. Nello scantinato o in un’altra stanza in cui non vi sono distrazioni, lavorate col Labrador senza guinzaglio. Cominciate da una distanza ravvicinata, però, per via della transizione dal lavoro con o senza guinzaglio. Se il vostro cane abbandona la posizione significa che avete lavorato troppo velocemente. Rimettetegli il guinzaglio e, quando siete sicuri che capisce i comandi, potete ricominciare a lavorare senza. Il vostro Labrador Retriever è senz’altro sveglio, ma ci saranno molte situazioni in cui vi metterà alla prova.

IN PIEDI

È uno dei più facili da insegnare e ha applicazioni pratiche. I veterinari amano i clienti che insegnano ai loro cani a stare in piedi fermi per la visita. I tecnici veterinari apprezzano un cane calmo che resta fermo mentre gli prelevano il sangue. Un toelettatore che deve lavorare con un cane che strilla e si dimena non sarà in grado di lavarlo e sciacquarlo, ma un cane che rimane tranquillo nella vasca diventerà ben presto un cliente ben accetto. Come insegnarlo Questo comando è più facile da insegnare quando il Labrador Retriever ha fame.

1. Cominciate col cane seduto al piede. Poi posizionate la mano destra con un gustoso boccone davanti alla sua bocca. Potrebbe tentare di sporgersi in avanti per afferrare il cibo. All’inizio, premiate ogni movimento con un bocconcino ma poi, dato che volete che rimanga in piedi, non tollerate a lungo i saltelli da coniglietto.

2. Se necessario, fate scivolare la mano sinistra sotto il collare. Posizionate la mano destra (che tiene il boccone) davanti al suo naso. Se si sporge, tenetelo a freno. Appena assume la posizione desiderata, liberate il boccone e lodatelo per la sua intelligenza. Poi rimettetelo seduto e riprovate più e più volte. Potete insegnare quest’esercizio utilizzando il suo pasto serale come premio.

3. Quando il cane comprende che la mano destra davanti al naso significa che deve alzarsi in piedi, dovrete cominciare a diradare i bocconi. Invece di dargli un boccone quando sta in piedi, dite la parola prescelta seguita da qualche complimento. Se il vostro cane fa fatica in questa fase, siate pazienti con lui. Sta imparando, ancora una volta, che niente nella vita è gratis. Potrebbe esibire un diverso comportamento, come una spanciata, un terra o una piroetta attorno alle vostre gambe. Il cane si sta sforzando di capire quello che desiderate, quindi non correggete queste indiscrezioni. Una volta che si alza e resta fermo, dategli un boccone. Questo comando può essere testato su strada al negozio di animali, dal veterinario e nelle passeggiate quotidiane quando è al guinzaglio. Fate pratica senza distrazioni prima di pretendere che il vostro cane esegua l’esercizio in presenza di altri cani e gatti al negozio o dal veterinario.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *