<

Cani di razza: come addestrarli?

come addestrare un cane

 

 

 

 

 

 

 

In tutti i cani di razza la docilità non deve assolutamente essere confusa con la sottomissione che può essere attiva o passiva.

Nelle fasi di addestramento impartite da padrone, il cane impara a seguire per compiacerlo e ricevere la successiva e immediata gratificazione. Il cane docile è sempre molto predisposto alle varie forme di apprendimento  e quando esegue con piacere e brio ciò che gli è stato chiesto dietro comando, siamo di fronte a una forma di sottomissione attiva e quindi altamente positiva.
Il cane docile sottostà briosamente al padrone senza entrare mai in conflitto con lui e svolgendo con grande capacità quanto ha appreso. Nella sottomissione passiva il cane esegue per timore gli ordini del padrone, il quale lo ha invariabilmente troppo punito ed è sempre stato avaro di gratificazioni, con particolare vantaggioso riferimento a quelle verbali. In questa situazione è facile sfociare nel conflitto e questo peggiora (o anche compromette irrimediabilmente) il rapporto con il padrone.

Per addurre un esempio cani di razza, tipo i cani da difesa e di utilità in generale che vediamo nelle Prove di Lavoro, quando esprimono briosità, significa che lavora in sottomissione attiva; essa prevede un costante controllo  da parte del padrone e l’autonomia del cane è, come è logico in quel contesto, relativamente limitata. E questo risponde a criteri di logicità nell’usuale addestramento del cane da difesa e da conduzione del gregge che deve sempre agire in stretta collaborazione con il padrone e anche quando agisce autonomamente, attua un comportamento sempre correlato all’addestramento ricevuto.

In altri termini, cane e padrone sono protagonisti paritetici della situazione. Il che non avverrà mai nel caso di razze adibite alla difesa degli armenti, dove l’autonomia decisionale è insita nel corredo genetico. E lo stesso non può e non deve avvenire in altre razze utilizzabili per altre specializzazioni con specifico addestramento. Taluni cani di razza specializzati nel condurre greggi e taluni cani di razza specializzati nella caccia possono essere impiegate con successo anche in mansioni molto diverse da quelle originarie e questo è attuabile quando sussiste la possibilità di valorizzare peculiarità soggettive utili a uno scopo specifico. È il caso dei cani antidroga, antiesplosivo, antisommossa, antincendio, da ricerca di resti umani, da soccorso o addestrati a rinvenire banconote o anche a individuare certe patologie umane.Qui l’addestramento si diversifica nelle varie specializzazioni ma è accomunato dalla giusta autonomia decisionale del cane il quale è indiscusso “protagonista” in misura maggiore rispetto al conduttore, il quale sa bene che deve fidarsi del fiuto del proprio ausiliario.

Per tutte le specializzazioni appena descritte si tende a sviluppare attivamente le doti dell’animale, nessuno si sognerebbe mai di insegnare al cane gli esercizi di ubbidienza e di agibilità, in quanto esse sono previste nelle Prove di Lavoro per cani di utilità e difesa. In alternativa, è possibile affidarsi a veri professionisti esperti nell’addetramento dei cani. Noi vi consigliamo http://www.corsoaddestramentocani.it.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *